lunedì 29 marzo 2010

“La panàra per la polenta”

Avete presente quella specie di tagliere rotondo di legno che si usa per servire la polenta??? Ecco, sono due giorni che stò cercando di ricordare come si chiama in italiano, ma tentativo fallito!!!!!

In dialetto dalle mie parti si chiama “panàra”. Vi chiederete cosa c’entra …

… c’entra perchè io ne ho ricevute in regalo due di queste “panàre” piuttosto vecchie e segnate dal tempo, potevano uscire indenni dalle mie mani?!?!!!! Nooooo naturalmente!!!!!

Per ora vi mostro la prima e ….. qualcuno m’illumina sul nome?????

DSCF4466

Non nascondo che l’idea di “lavorarla” mi dispiaceva un pò, perciò ho cercato di fare in modo di modificare il fondo il meno possibile. L’ho scartavetrata lievemente dove andava posizionato il disegno ed ho dato un colore di base piuttosto malamente in modo da lasciare intravedere il legno.

DSCF4480

Anche qui ho riprodotto un progetto di Terrye French che, secondo me, si adatta benissimo al tipo di oggetto.

z  

v

Bene, a breve vi farò vedere l’altra che è in fase di lavorazione. Ciao e buona settimana.

firma 2

28 commenti:

  1. ciao milvi...sfugge il nome anche a me, ma ne ho anch'io parecchie perche' adoro dipingerle (le trovo ai mercatini)...anch'io come te tocco pochissimo il fondo perche' mi piace così..vecchio e consumato dal tempo!
    un bacio
    stefy

    RispondiElimina
  2. .....io e te abbiamo avuto la stessa idea, lo sto facendo anche io questo progetto ....su di un tagliere!
    direi che siamo in sintonia!
    un bacione dalal Toscana

    RispondiElimina
  3. Ciaoooo Milvi ...più che sintonia direi ....stessi gusti in fatto di pittrici! Anch'io ho appena postato un poggia mestoli con questo disegno che trovo abbia colori , forme e insieme molto bello.
    Sul tuo tagliere per la polenta ( non so come chiamarlo in altro modo!) è perfetto!
    un abbraccio
    simona

    simona

    RispondiElimina
  4. bellissima complimeti, sei veramente brava nel country painting, io sono una neofita spero di migliorare con la pratica
    Ciao Ilaria

    RispondiElimina
  5. ....davvero...la fantasia non ti manca! Bravissimaaa!!!

    RispondiElimina
  6. difficile da commentare: lascia senza parole
    p.s. da noi si dice "il panaro"

    RispondiElimina
  7. Non avevo dubbi......Spettacolare!!!!!

    RispondiElimina
  8. Bellissima la tua panara!
    Anch'io l'ho sempre chiamata così... in italiano penso che si chiami tagliere per polenta.
    Ciao
    Laura

    RispondiElimina
  9. Non mi piace (tanto per distinguermi) MI STRA-PIACE !!!!!!!!!! Cavoli, qui siamo veramente ad un livello superiore. Questa è PITTURA, è vera maestrìa ... che delicatezza quel fondo steso "male". BRAVA a lasciare la fessura senza stuccarla. Adesso però basta, altrimenti ci ripetiamo ... Un abbraccio, Cris. (Ps su google ho trovato: Panara = tagliere rotondo per polenta ... mah?)

    RispondiElimina
  10. E' meravigliosa, qualsiasi nome abbia!non lo ricordo nemmeno io :-/

    RispondiElimina
  11. Ciao sono Taced, tua nuova sostenitrice capitata per caso sul tuo blog. Complimenti per la bellissima panara!
    In italiano si dovrebbe anche dire "tafferia" (http://it.wiktionary.org/wiki/tafferia) ma sinceramente l'ho sempre sentita chiamare "pànara" o simili.
    Se ti va, passa da me a fare un giro:
    http://handmadecreativity.blogspot.com/
    Ciao, Taced

    RispondiElimina
  12. mammamia che spettacolo!! bravissima baciuz anna

    RispondiElimina
  13. brava milvi, hai rispettato il legno e la sua storia arricchendolo con un disegno davvero adattissimo!
    bravissima come sempre! a presto, arianna

    RispondiElimina
  14. è bellisimo Milvi, come sempre!!
    brava
    un abbraccio
    maria grazia

    RispondiElimina
  15. E' splendido e di grande effetto: bravissima, come sempre.
    Capisco però anche la tua esitazione a usare un supporto così bello perché "vissuto".
    Un abbraccio
    Nicoletta

    RispondiElimina
  16. Bellissimo Milvi, mi piace la stesura del fondo che lascia intravedere il legno di base, bellissimo effetto e tu bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  17. ADORO i tuoi lavori ed il tuo stile!!! Da noi a Treviso si chiama " Tajer", ma in italiano credo sia semplicemente tagliere...so che ci sono rettangolari o rotondi...
    Il "piccolo" sta bene, grazie!
    Baci
    Cinzia

    RispondiElimina
  18. E' BELLISSIMO!!!!!!!!!!!!
    Sei sempre più brava...
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
  19. Che bella la gallinella, e le uova vien voglia di mangiarle... meraviglioso

    RispondiElimina
  20. Mlvi sei straordinaria... bellissimaaaaaa, non vedo l'ora di vedere l'altra!! : ))

    RispondiElimina
  21. Bellisssimo,bravissima! Sei sempre tutta issima per me!
    Un abbraccio, Elsa

    RispondiElimina
  22. Dueeee? mi stai dicendo che hai ben due taglieri vecchi?? heehee...eh Milvi fortunella, per me la cosa piu' gratificante e' dipingere su roba vecchia...intanto questo progetto qui l'hai fatto alla grande e meglio non ci poteva stare (bellissimo lo sfondo)...percio' non mi resta che aspettare di vedere il secondo....lo sai che c'e' una cera per alimenti da stendere sui taglieri di legno?? io l'avevo comprata perche' mi dispiaceva non usarli almeno per appoggiarci sul il formaggio..il tuo e' cosi bello che e' un peccato tnerlo solo come decorazione...la cera si chiama Clapham's beeswax salad bowl finish

    http://www.amazon.com/Claphams-Beeswax-870-3008-Finish-8-Ounces/dp/B0012XP7LQ

    Baci e Buona Pasqua

    Fulvia

    RispondiElimina
  23. che dire!!!
    hanno già detto tutto le altre.
    posso solo dire che mi piace moltissimo e non vedo l'ora di ammirare la seconda panara.
    nel frattempo ti auguro una felice pasqua.
    a presto, veronica.

    RispondiElimina
  24. Ciao Milvi, buona Pasqua a te e famiglia!
    Barbara

    RispondiElimina
  25. Milvi è fantastico!
    Buona Pasqua a tè e alla tua famiglia.
    Baci Giulia

    RispondiElimina

Sono contenta se mi lasci traccia del tuo passaggio!!! Grazie!