giovedì 19 marzo 2009

...al mio papà


Care amiche, oggi è la festa del papà.......

....io ero molto in dubbio sul fatto di pubblicare o meno questo post ma, come vedete, ho deciso per il sì......


.....ieri, 18 marzo, è mancato il mio papà.....


.....questo è il motivo per cui non sapevo se era giusto.....


... forse non lo sò tuttora, però il blog è anche un diario...il "mio diario",

certo pubblico per cui non sai mai se fai bene o male a dire certe cose, a metterti troppo a nudo, c'è il rischio di spettacolarizzare una notizia dolorosa e questa è una delle cose più ignobili e disumane dei nostri tempi......


......ho anche pensato che chi mi legge in fin dei conti è interessato a me e quello che io sono e penso.....


.....ciò lo devo anche al mio papà.....


....un alpino, un partigiano, uno che la guerra l'ha vissuta sulla propria pelle, a volte burbero, introverso, un uomo "di una volta", un uomo di campagna con il suo orto i suoi olivi, l'olio, il vino, il salame fatto in casa, i cibi genuini.....


......ho pensato che glielo dovevo questo piccolo ricordo, perchè la mia creatività, la passione per il legno, per gli animali, per la montagna la devo anche a lui......
......lui si godeva quando gli chiedevo di costruirmi qualcosa di legno, come la mia prima casetta per gli uccellini, poi quando gli facevo vedere ciò che costruivo io, ultimamente gli ho raccontato anche del corso con Karen, degli orsi che vanno intorno alla sua casa al limitare del bosco, lui mi ascoltava assorto e sognante.......


.....mi piace pensarlo là, libero da un corpo ormai infermo, che domina il "suo" Monte Baldo e veglia su di esso......
......su di noi che gli vogliamo bene.....


.....scusatemi, mi sono sentita di condividere tutto questo con voi, non rattristatevi.....
........questa è una "piccola storia di vita" ......
......so che mi siete vicine..... Milvi

25 commenti:

  1. cara milvi...un fortissimo abbraccio a te e al tuo caro papa' che tuttora e sempre sara' al tuo fianco..
    stefy

    RispondiElimina
  2. Ciao Milvi...mi sono commossa nel leggere la descrizione amorevole che hai dato di tuo padre. Se ti ha lasciato tutto questo, era proprio un grand'uomo. Ti sono vicina...Un abbraccio.
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. E' e sarà sempre con te...
    Un abbraccio di quelli veri, stretti e colmo d'affetto
    Mila

    RispondiElimina
  4. anche se non c'è più è sempre il tuo papà... e sempre lo sarà.
    Questo tuo pensiero è stupendo.
    Non conoscendoti non so se ho il diritto di commentare questo tuo post ma vorrei abbracciarti e dirti che ti sono vicina.
    marilena

    RispondiElimina
  5. Ciao Milvi, un abbraccione forte forte.
    Barbara

    RispondiElimina
  6. questo post mi lascia di
    stucco ....mi dispiace tantissimo ...
    ti sono vicina, un abbraccio mary

    RispondiElimina
  7. mi spiace tantissimo, un abbraccio
    silvia

    RispondiElimina
  8. ciao Milvi..ti sono vicina...così come ancora ti è vicino il tuo papà che era e sarà sempre una parte di te...da lassù ti starà sempre vicino...un bacio dolce

    RispondiElimina
  9. Ciao Milvi, volevo dirti che ti sono vicina e mi spiace tantissimo per il tuo papa'
    Vedrai che in qualche modo ti sara' vicino.
    Laura

    RispondiElimina
  10. Milvi...in momenti come questi le parole son ben poca cosa, ma il mio cuore è con te...
    Un abbraccio forte forte.
    Cinzia

    RispondiElimina
  11. Solo grandi uomini sanno essere grandi padri e lasciare tanto vuoto alla loro scomparsa. Ti sono sinceramente vicina, mio padre non c'e' piu' da 18 mesi e mi manca sempre di piu'. Mi conforta l'idea e la consapevolezza di aver avuto la grande fortuna di essere stata figlia di un padre eccezionale, spero cara Milvi che questo conforti anche te
    un abbraccio
    Cetty

    RispondiElimina
  12. Cara Milvi, è vero, ti siamo tutte molto vicine, con tanto affetto!
    Un abbraccio forte
    Marina

    RispondiElimina
  13. Ciao Milva, mi dispiace per il tuo papà, ed è bello pensarlo sul suo monte finalmente libero.......ti abbraccio forte forte un bacio.
    Alessia

    RispondiElimina
  14. ...grazie di cuore a tutte...
    un bacio
    Milvi

    RispondiElimina
  15. quanta dolcezza...quanto amore,ho gli occhi lucidi,un nodo alla gola,vorrei stringerti,essere con te,ma tu sai che non posso....ti voglio bene milvi,sei una persona speciale anche nel tuo dolore,sei dolcissima e profonda ed è bellissima questa immagine del tuo papa' che ci hai regalato.
    un bacio dona

    RispondiElimina
  16. Non posso non pensare alle tue lacrime mentre scrivevi. Ci penso spesso anch'io...un giorno i miei se ne andranno. Rifuggo l'idea di quello che proverò, del vuoto che sentirò...deve essere una voragine.
    Hai fatto bene a condividere questa perdita con noi. Tutto è sembrato, fuorchè tu la volessi spettacolizzare.
    Hai avuto bisogno di buttare fuori, e noi, nel nostro piccolo, cerchiamo di riempire un pochettino quel grande vuoto.
    Un abbraccio sincero.
    elena

    RispondiElimina
  17. cara milvi, questo è il cerchio della vita, a cui noi esseri umani nn possiamo sottrarci, ma fino a quando i nostri cuori battono, tutto l'amore che ci è stato donato, come quello dei nostri genitori, sarà sempre il nostro più grande punto di forza, e tu lo dimostri a pieno un abbraccio. annalabirba

    RispondiElimina
  18. Anche se non ti conosco personalmente, quando ho letto il tuo pensiero mi sono commossa, anche a me molti anni fà ho provato lo stesso dolore, ti sono vicina.
    ciao Sonia

    RispondiElimina
  19. Il fatto è che quando muore un genitore, non importa quanti anni abbiamo, ci sentiamo improvvisamente investiti da responsabilità più grandi di noi.
    Io ho perso mio papi 6 anni fa, aveva 61 anni e tantissime cose ancora da fare e da donarci.
    E da figlia mi sono improvvisamente sentita trasformata in una persona adulta, in dovere di prendere decisioni che fino ad allora potevo affrontare con lui.
    Io avevo già trent'anni, ma per ogni problema sapevo che ci sarebbe stata una roccia dietro cui ripararmi. Nonostante tutte le persone meravigliose che ho accanto...ma un genitore è sempre un genitore.
    Vorrei dirti che poi le cose cambiano. In effetti la vita va avanti e il dolore un po' per volta diventerà meno intenso.
    Però ci sono momenti particolarmente duri e tristi o anche particolarmente felici, in cui il dolore ricompare in tutta la sua forza...
    L'unica cosa che mi aiuta in questi momenti è parlargli, come se mi fosse seduto accanto, e ascoltando bene sento anche le sue risposte, sai, perché lui è veramente con me, anzi è dentro di me. Sono quella che sono per tutto quello che mi ha insegnato e per tutto l'immenso amore che mi ha donato.
    Ti assicuro...a volte sono inciampata, caduta, altre volte mi sono trovata di fronte a una montagna alta e ripida....lui era lì, ha allungato la sua mano e mi ha aiutata a superare tutte le difficoltà!
    E come il tuo papi sarà lì per sempre!
    Un abbraccio infinito!
    miki

    RispondiElimina
  20. Ciao Milvi, non è la prima volta che passo di qui, ma oggi mi sento proprio di stringerti forte forte con un abbraccio perchè so molto bene come ti senti... Ti stringo forte,
    Natalia

    RispondiElimina
  21. Ciao Milva, sono capitata qui per caso passando dal blog di cetty...
    Hai fatto benissimo a scrivere quel post..almeno per me è bello leggere di persone che hanno una sensibilità cosi' squisita...
    Grazie per aver condivisio qualche tuo intimo segreto con noi bloggers!
    Manu
    http://manumanu64.splinder.com

    RispondiElimina
  22. cara Milvi, mi devo scusare, ma nella frenesia dei giorni scorsi mi sono persa questo post! ti sono vicina, il mio papà l'ho perso ormai da 16 anni, ma lo sento vicino a me ogni giorno e non c'è giorno che io non abbia un pensiero per lui!
    ti abbraccio
    Silva

    RispondiElimina
  23. Non ci conosciamo, mavoglio abbracciarti anche da lontano, io ho perso il mio papà lo scorso 2 aprile ed ancora non mi sembra vero, era giovanissimo, 65 anni, un maratoneta, un atleta che in pochi mesi il male se l'è mangiato ... anche io il giorno del suo compleanno, il 24 ottobre gli ho dedicato un post, ero combattuta se farlo o no, ma in fondo non siamo fatte solo di pennelli, ricami e foto di fiori, abbiamo anche un mondo alle spalle. Scusa se mi sono permessa di scriverti queste cose, ma sono convinta che le cose vadano dette sempre quando sentiamo il bisogno di farlo! un abbraccio
    Manuela

    RispondiElimina
  24. Ho letto solo adesso questo post.
    Mi sono commossa e ti sono vicina.
    Un abbraccio,
    Milena

    RispondiElimina

Sono contenta se mi lasci traccia del tuo passaggio!!! Grazie!